21 - HOMEPIEMONTE COMPUTI E LAVORI REALIZZATI

PREZZO MANUTENZIONE FACCIATA CONDOMINIO

 HOMEPIEMONTE SRL – RIPRISTINO PROSPETTO LATO INTERNO CONDOMINIO CORSO TURATI TORINO

L’intervento è stato programmato e realizzato nel corso dell’anno 2014 con inizio lavori Maggio 2014 e completamento lavori Ottobre 2014. Il Computo approvato dal condominio consisteva in:

  1. Rifacimento e riposizionamento delle copertine dei balconi in serizzo spessore 2 cm
  2. Verifica della consistenza dell’intonaco esterno mediante “spicconamento”
  3. Rifacimento e allineamento dell’intonaco ammalorato
  4. Ponteggio esterno per circa 2.700 mq

RINZAFFO 

Lo stato iniziale dei prospetti ed in particolare delle copertine balconi erano in completo degrado con evidenti distacchi e fenomeni di stillicidio lungo i cordoli e/o i marcapiani delle unità abitative. Nel programmare l’intervento abbiamo dato la priorità alla scelta dei materiali da utilizzare per fornire la giusta garanzia di un lavoro che dovrà sfidare il tempo per almeno i prossimi 30 anni. La fase dello “spicconamento” intonaco ammalorato ci ha fornito importanti indicazioni sull’uso specifico dei materiali da utilizzare. L’allineamento del nuovo intonaco con la restante parte sana è stato realizzato con una malta composta da cemento, inerti selezionati e resine sintetiche speciali che, mescolate con acqua, conferiscono un impasto facilmente applicabile in verticale con una spatola (a mano) oppure a spruzzo con macchine intonacatrici. Abbiamo potenziato inoltre le caratteristiche di adesione mescolando o aggiungendo al prodotto, durante la fase di miscelazione, con l’acqua d’impasto, una soluzione elastica “migliorativa”

RASATURA FINALE DELLE SUPERFICI

La fase successiva (a rinzaffo stabilizzato) è stata la rasatura. In considerazione delle caratteristiche della muratura, doveva essere principalmente idrofuga e monocomponente con una granulometria fine di colore grigio, con indurimento normale prevalentemente a base di leganti ad alta resistenza; aggregati 200X213_PONTEGGIO.jpgselezionati, additivi speciali e polimeri sintetici in polvere, secondo una formula sviluppata nei laboratori di ricerca MAPEI. La particolare composizione ha conferito al rasante un elevato potere adesivo con una elevata scorrevolezza nella stesura con spatola liscia; facilitando le operazioni di finitura con frattazzo metallico o frattazzino a spugna.  Lo spessore medio finale è stato di circa 3/4 mm

TINTEGGIATURA FINALE

La colorazione finale o tinteggiatura è stata la fase più delicata del lavoro. Abbiamo sostanzialmente preparato la base “rasata” con una mano di fondo di tipo riempitivo a base di quarzo granulare; successivamente abbiamo applicato una prima mano di finitura colorata come “regolatore” dell’assorbimento del supporto e nello stesso tempo promotore di adesione. La finitura adoperata è la Quarzolite Pitturapittura murale per esterno ed interno composta da resine acriliche in dispersione acquosa e quarzo microgranulare. Resiste a tutte le condizioni climatiche, (garantita dalla casa madre MAPEI)  non teme l’aggressione dello smog, della salsedine, dei raggi solari e conferisce al supporto una protezione durevole nel tempo. Quarzolite Pittura ha aderito perfettamente su tutto l’intonaco (vecchio e nuovo), equilibrandosi perfettamente con la vecchia pittura, previa applicazione di fissativo specifico. Nel nostro caso, per dare maggiore garanzia al prodotto abbiamo adoperato una mescola o additivo per aumentare la “coprenza”. Ad opera completata siamo certi che i prodotti utilizzati conferiranno all’immobile un aspetto e una composizione sempre attuale ed in perfetto stato di manutenzione (la fotografia di cui sopra è stata realizzata in data 07 Marzo 2018). Lo stato iniziale dell’opera si presentava in completo degrado sia nei sotto balconi che nelle copertine di chiusura balconi. I prospetti presentavano segni di degrado in percentuale di circa il 40% dell’intera superficie. 

COMPUTO METRICO LAVORI PREZZO DA COMPUTO 
COMPUTO_CONDOMINIO_CORSO_TURATI  137.500 € 
Schede prodotti utilizzati (intero protocollo MAPEI)
Tinteggiatura specifica esterna 2012_quarzolitepittura_it_new
additivo elastico   rasatura idrofuga  
701_planicrete_it_new 151_nivoplan_it 1110_planitop210_it

I prezzi delle categorie dei lavori, nelle pagine che stai visionando, sono derivati da interventi di ristrutturazione o nuova costruzione, contrattualizzati da Homepiemonte srl Impresa edile. Chiedi un preventivo personalizzato; è gratuito, dettagliato, con note professionali, schede tecniche e protocolli di riferimento comprensivo di 1Schema Impianto idraulico 2-Schema Impianto elettrico 3Schema Impianto Riscaldamento tradizionale o a pavimento 4-Schema e “Ordine delle demolizioni” ai sensi del D.L:81/2008 5-Schema bonifica acustica per parete, solaio, controsoffitto 6Sondaggi preliminari con prove invasive e non. Il nostro preventivo è personalizzato sulla base del tuo budget e delle tue esigenze: E’ attendibile al 90% prima del nostro sopralluogo che sarà effettuato se il nostro preventivo ed i prezzi indicati sono di tuo gradimento: RICHIEDI UN NOSTRO PREVENTIVO

BONUS RISTRUTTURAZIONI 2019  La legge di Bilancio 2019 conferma le agevolazioni in merito al bonus ristrutturazioni. Le detrazioni fiscali saranno prorogate fino al 31 dicembre 2019. Tutti coloro che inizieranno i lavori di ristrutturazione della propria casa dal 1 gennaio 2019, potranno usufruire della detrazione fiscale del 50% sulle spese sostenute entro il limite di 96.000 € da suddividere in 10 quote annuali. Potrebbe esserci un’interessante novità o agevolazione per la ristrutturazione della propria casa. Si tratta dell’Ecoprestito, un prestito a tasso agevolato, per i cittadini che vogliono realizzare una ristrutturazione o migliorare l’efficienza energetica della propria casa. In visione la legge di Bilancio 2019 e le tabelle di sintesi sulle agevolazioni Il Bonus Ristrutturazione spetta anche a chi ha effettuato un preliminare di Vendita e registrato il Compromesso ed esegue i lavori di ristrutturazione a proprio carico. 

ALCUNE CONSIDERAZIONI PER UN BUON ISOLAMENTO TERMICO
LA RESISTENZA TERMICA è definita come la difficoltà del calore nell’attraversare un mezzo: un solido, un liquido, un gas. Nel nostro caso i materiali edili utilizzati per isolare le nostre case. La resistenza termica si misura in kelvin per watt  K/W. Migliorare la Resistenza Termica significa trattenere maggiormente il calore (o il fresco) nei nostri ambienti domestici e quindi migliorare il risparmio sul costo dell’energia per sviluppare il calore propagato nell’ambiente . Scegliere uno spessore adeguato di isolamento è importante; non solo, il materiale adoperato deve avere determinate caratteristiche; per lo stesso spessore di materiale adoperato si hanno differenti gradi di resistenza termica. Lo scopo di un buon progettista termico è definire il materiale idoneo da utilizzare e il giusto spessore di materiale da posizionare per  realizzare una barriera efficace alla dispersione del calore. Per esempio 10 cm di EPS, equivalgono in termini di prestazioni termiche a  21 cm di pannello in fibra di legno.
LA MANUTENZIONE DEI PROSPETTI DEGLI EDIFICI NEI CENTRI STORICI DELLE NOSTRE CITTA’ 
Uno degli aspetti fondamentali per restaurare in modo corretto i prospetti esterni degli edifici storici delle nostre città è quello di conoscere le proprietà e le tecniche costruttive dell’epoca in cui sono stati realizzati. Gli interventi principali di restauro riguardano gli intonaci esterni, la tinteggiatura,  i modiglioni, la pietra e/o i marmi per la realizzazione delle pavimentazioni dei balconi. Rappresentano le parti più esposte all’aggressione del tempo:  lo smog (biossido di zolfo e particolato) ed in particolare quello dovuto all’azione di ossidi di azoto (NOx), biossido di carbonio (CO2), ossidi di zolfo (SOx), ozono (O3), particolato ed altri composti organici volatili sotto l’azione della radiazione solare. L’edificio storico si degrada in modo costante e continuo sotto l’azione dall’usura del tempo. Gli intonaci dei centri storici (1600-1700) erano realizzati a base di calce idrata in cui si incorporavano materiali di tipo pozzolanico o coccio pesto, fibre vegetali, segatura ecc. Una delle tecniche o protocolli da noi adoperati per il restauro delle facciate o prospetti degli edifici è quello indicato nel video.